SEZIONE QUADRANTI SOLARI
     HOME     CHI SIAMO     COME COLLABORARE     CENSIMENTO     NOZIONI DI GNOMONICA     LINKS     UAI

 

Il XIX Seminario Nazionale di Gnomonica si è svolto a Cefalù (PA) nei giorni 4, 5 e 6 Aprile 2014.

RESOCONTO DEI LAVORI
A cura di Giuseppe De Donà - Responsabile della Sezione Quadranti Solari della UAI
(tratto dagli atti del Seminario)


GENERALITA’
 

  Il 4, 5 e 6 aprile 2014, diciotto mesi dopo il Seminario di Chatillon (AO), si è svolto a Cefalù in Sicilia, il XIX Seminario Nazionale di Gnomonica programmato dalla Sezione Quadranti Solari dell’Unione Astrofili Italiani, dal Coordinamento Gnomonico Italiano, con la partecipazione del Gruppo Gnomonisti della Sicilia (GGSicilia). Maria Luisa Tuscano, associata INAF, coadiuvata da un Comitato attivo e funzionale, ha preparato e gestito i tre giorni della manifestazione con formidabile impegno.
 
  Il Seminario si è svolto nell’Aula Consiliare del Palazzo di Città, con il Patrocinio del Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, del Comune di Cefalù, del Comune di Isnello, della Sezione UNUCI di Palermo, dell’Osservatorio Astronomico G. Vaiana di Palermo, dell’Ente Parco delle Madonie, della Fondazione Mandralisca, dell’Associazione Cefalù & Astronomy, dei Lions Club di Cefalù, di Italia Nostra sezione di Palermo e della Direzione di Espero.
 
  La sistemazione alberghiera presso l’Albergo Santa Lucia - Le Sabbie d’Oro di Cefalù, è stata ottima sotto ogni aspetto. Alloggio, cucina, vini; tutto di qualità superiore con una nota particolare al personale che ha sempre atteso i rientri dei partecipanti a pranzi e cene con grande disponibilità.
 
  Malgrado l’inclemenza del tempo, i partecipanti hanno potuto osservare la bellezza del paesaggio di Cefalù. Costruita su un promontorio dominato da una rupe a strapiombo la città ha conservato il suo aspetto antico, intorno alla cattedrale voluta da Ruggero II. Nelle strade strette del centro, d’impronta medievale, si affacciano palazzi impreziositi da decori architettonici e tante chiese che rivelano la sua importanza di sede vescovile. Di particolare fascino il borgo marinaro, con le antiche case affacciate sul mare, e la lunga spiaggia di sabbia fine, una delle più belle di tutta la costa settentrionale. (Sicilia - guida Mondadori).
 
  L’annuncio del Seminario è stato fatto sulla Lista di Gnomonica Italiana nei primi mesi del 2013. La circolare dettagliata con le modalità d’iscrizione e i termini per la presentazione delle memorie è invece stata diffusa nell’autunno del 2013. Sempre tramite la lista, Maria Luisa Tuscano ha periodicamente fornito altre informazioni e dettagli soprattutto in merito ai collegamenti tra l’aeroporto di Palermo e Cefalù.
 
  Oltre ai Promotori, alle Istituzioni e agli Sponsor che hanno sostenuto l’evento, si ringraziano tutti coloro che, in qualsiasi modo, hanno aiutato per il buon andamento dei lavori. In particolare si ringrazia: l’Amministrazione di Cefalù con il sindaco Rosario Lapunzina, il presidente del Consiglio Antonio Franco, e l’assessore Antoniella Marinaro, che hanno visitato i lavori, l’Amministrazione di Isnello con il sindaco Giuseppe Mogavero, la famiglia Barranco-Crifasi, la dr.ssa Ileana Chinnici, il prof. Piero Longo, le associazioni turistiche locali, ecc.. Lo scrivente si scusa per eventuali imprecisioni o omissioni nella citazione di persone, documenti, dati e fatti riportati nella presente nota, da considerare tutte non dipendenti dalla sua volontà.
 
  Il Seminario, come sempre, è stato bello, intenso, ricco, anzi ricchissimo di tante iniziative.

ISCRITTI E PRESENTI
 

  Gli iscritti ed i partecipanti al Seminario di Cefalù sono sintetizzati nella seguente tabella:

 

Iscritti

Partecipanti Iscritti non partecipanti

Soci UAI

26 18 8
Non Soci UAI 65 30 35
Totale 91 48 43


  Iscritti Partecipanti Iscritti non partecipanti Soci UAI 26 18 8 Non Soci UAI 65 30 35 Totale 91 48 43 Per gli opportuni riferimenti e confronti con i Seminari del passato si veda anche la tabella allegata agli Atti con i “Dati statistici” relativi ai diversi Seminari di Gnomonica, già pubblicata in occasione del XVIII Seminario e aggiornata con i dati del XIX.
 
  Gli iscritti al Seminario sono stati 91; di questi 48 erano presenti ai lavori a Cefalù. La partecipazione è stata simile a quella di Chatillon, con alcuni iscritti in più ma con un numero di presenze inferiore. Considerando i dati degli ultimi dieci seminari (da San Benedetto del Tronto in poi, vedi tabella “Dati statistici”), il numero medio degli iscritti per Seminario scende da 98.5 a 97, mentre la media dei presenti scende da 82.9 a 78.0. Pertanto, a Cefalù è stata confermata la tendenza al calo registrata negli ultimi quattro Seminari (a partire da San Felice Circeo). Anche per Cefalù potrebbero valere le considerazioni fatte per Chatillon e San Felice Circeo, tutte località penalizzate da un forte decentramento. Pescia, nella “più centrale” Toscana, è stato l’ultimo Seminario in cui le presenze sono state superiori alle 80 unità.
 
  I soci UAI iscritti al Seminario sono stati 26. Come a Pescia e Chatillon, a causa delle perduranti ristrettezze economiche dell’Unione, anche a Cefalù gli iscritti all’UAI hanno dovuto versare un contributo di 25 Euro, avendo ricevuto uno sconto di 10 Euro rispetto alla quota di 35 Euro fissata per gli altri partecipanti.
 
  Le regioni italiane di provenienza degli iscritti sono state 14. Le regioni con un numero di iscritti superiore a 10 sono state nell’ordine, Sicilia, Piemonte e Lombardia, rispettivamente con 18, 14 e 13 iscritti. Nelle prime tre entra quindi la Sicilia ed esce la Toscana. Le altre regioni hanno fatto registrare pressappoco gli stessi numeri di Chatillon. Infine a Cefalù sono purtroppo mancati gli ospiti stranieri.


SVOLGIMENTO LAVORI
 

  Nella sala d’ingresso dell’Hotel Le Sabbie d’Oro è stata inizialmente sistemata la segreteria per il ricevimento dei partecipanti. Le iscrizioni sono state raccolte direttamente da Maria Luisa Tuscano che ha consegnato ai convenuti una “cartella di benvenuto” con l’elenco delle relazioni e depliant turistici della zona. Successivamente, durante i lavori, la segreteria è stata allestita in un locale attiguo alla sala del convegno e gestita da Francesco Lo Sciuto con la moglie.
 
  I trasferimenti dall’Hotel al Palazzo di Città, dove si sono svolti i lavori, sono avvenuti tramite un pullman predisposto dall’organizzazione ed appositamente dedicato a quella funzione. Ottimo il suo servizio. Come detto i lavori si sono svolti nella bella Sala Consiliare di Cefalù perfettamente attrezzata con moderne strumentazioni adatte a ogni tipo di presentazione. Durante le memorie sono stati effettuati dei “Coffee breack” allestiti nell’atrio della stessa Sala. Squisiti i dolci siciliani che sono stati distribuiti e offerti dalla Pro Loco di Cefalù, da Cathedral Bar e da L’Elite Bar.
 
  Sono state presentate 30 memorie. Di queste 27 sono state esposte in sala, mentre di altre quattro memorie sono stati letti gli estratti. Quattro autori hanno presentato due memorie e quattro memorie sono state presentate da più autori per cui, in totale, i relatori presenti sono stati 23.
 
  Per quanto riguarda le 30 memorie presentate, raccolte negli Atti del Seminario curati da Maria Luisa Tuscano, si rileva che il loro numero ha registrato una importante inversione di tendenza rispetto a Chatillon. Infatti, mentre a Chatillon si era registrato un calo malgrado la chiusura della rivista “Gnomonica Italiana”, qui c’è stato un aumento nonostante l’apertura di “Orologi Solari”, la nuova rivista degli gnomonisti italiani.


ATTIVITA’ COLLATERALI
 

  Fra le attività collaterali alla presentazione delle memorie si citano in successione, secondo l’ordine in cui sono avvenuti, i seguenti eventi:
 
- Nella giornata di apertura del venerdì, alle ore 17:30, la dr.ssa Ileana Chinnici dell’INAF – Osservatorio Astronomico di Palermo “G.Vaiana”, ha esposto una brillante conferenza dal titolo “L’Astronomia in Sicilia”.
 
- Sabato mattina, i congressisti hanno visitato il vicino Duomo di Cefalù. Prima della visita, sono state scattate le tradizionali foto di gruppo.
 
- Nel pomeriggio di sabato, ottanta persone su un pullman e alcune auto private si sono recate a Palermo. Il percorso in pullman è stato allietato dall’esposizione del prof. Piero Longo, un critico d’arte di indescrivibile bravura. Seppur sotto la pioggia, i partecipanti sono stati guidati con grande maestria all’interno dei palazzi dorati della città. Sono stati visitati: Palazzo dei Normanni con la Cappella palatina, la Cattedrale con la Meridiana di Giuseppe Piazzi e la Chiesa dell’Ammiraglio.
 
- Nella serata di sabato, dopo la cena, in una sala dell’Hotel chi ci ospitava, sono stati affrontati alcuni importanti argomenti. Anzitutto è stata presentata la candidatura della Val Vigezzo per il prossimo Seminario, già decisa all’atto dell’assegnazione a Cefalù dello svolgimento del XIX Seminario. De Donà e Ghia hanno mostrato alcune diapositive inviate dagli amici gnomonisti della Val Vigezzo che non sono potuti venire in Sicilia.
 
- Successivamente, Ghia e Casalegno hanno chiesto agli gnomonisti presenti una maggiore collaborazione riguardo agli eventi gnomonici che si tengono in Italia. Preso atto che adesso esiste la nuova rivista “Orologi solari” con una redazione coesa ed attiva e che sono state superate le piccole incomprensioni riguardanti i censimenti, i relatori hanno auspicato una maggiore coesione tra tutti. In particolare, nel caso della programmazione di eventi di natura Gnomonica, gli organizzatori sono stati invitati ad esporre, sempre, i simboli dei nostri gruppi: UAI, GI, OS e SA. Infine si è discussa la situazione della mailing list “GnomonicaItaliana”, attualmente di difficile accesso per i nuovi aderenti.
 
- Domenica, alle 12:30, presso l’Istituto Comprensivo “N. Botta” sezione “R. Porpora”, alla presenza del Sindaco di Cefalù, è stato inaugurato un orologio solare in memoria dello gnomonista Francesco Crifasi. Il bozzetto dell’orologio, trovato tra le carte dello gnomonista e donato dalla sorella, è stato elaborato e calcolato da Maria Luisa Tuscano.
 
- Domenica pomeriggio, dopo la chiusura dei lavori, il “solito pullman” ha portato i congressisti a Isnello, nel Parco delle Madonie. Il sindaco, dr. Giuseppe Mogavero, ha accolto i visitatori esponendo il progetto riguardante la costruzione di un Osservatorio astronomico sulle Madonie. S’è quindi visitato il museo del ricamo “Trame di Filo”, il centro storico con il sentiero dei pianeti, e la chiesa dell’Annunziata col recente orologio solare di G. Paltrinieri.

CONCLUSIONI
 
  Chiudo questa mia relazione ringraziando nuovamente tutti coloro che, con bravura e passione, hanno reso possibile la riuscita di questo Seminario. E’ mancato il Sole, ma non è mancato il calore di Maria Luisa e degli amici gnomonisti siciliani, G. Crifasi, G. Bellina, G. Brinch, S. Santoro e M. Trobia, che ci hanno fatto sentire come a casa nostra; un’ospitalità davvero unica! Grazie a tutti gli intervenuti compresi i tanti accompagnatori. Peccato per coloro che non sono venuti forse anche a causa della lontananza del luogo. Ero timoroso anch’io. Ora, dopo questa esperienza, posso affermare che Palermo, Cefalù e la Sicilia sono più vicini ed a minor costo dei lunghi e stancanti viaggi in auto necessari per raggiungere altre località solo apparentemente più accessibili.